NEWS

Turismo fotografico, in viaggio per “catturare” emozioni, paesaggi e storie

Ott 11, 2021

Il viaggio come occasione per addentrarsi nei segreti del mondo della fotografia accompagnati dalla guida esperta di un professionista: cresce la domanda di turismo fotografico, una proposta autentica che coinvolge gruppi di piccole dimensioni e coniuga le dimensioni del divertimento, dell’esplorazione e della formazione.

Fra le mete inserite ai vertici delle classifiche dei luoghi “top” per il turismo fotografico figura l’Islanda: con i suoi straordinari paesaggi incontaminati che combinano vulcani e ghiacciai offre centinaia di possibilità agli appassionati di fotografia.

Per Marika Greco, fotografa cosentina che di recente ha scelto di trasformare la sua grande passione in un lavoro, quello con l’isola all’estremo nord dell’Europa è stato un amore a prima vista: oggi organizza e guida tour fotografici dedicati sia a chi vuole approfondire una passione che già coltiva sia chi con la macchinetta fotografica è alle prime armi. Dall’Islanda ai paesaggi della sua terra: i viaggi fotografici di Marika accompagnano i turisti che vogliono vivere esperienze fuori del comune alla scoperta di paesaggi e scorci inediti dell’entroterra calabrese, dai Calanchi bianchi di Palizzi in provincia di Reggio Calabria all’approccio con tradizioni e mestieri quasi dimenticati attraversando paesi fuori dai tradizionali circuiti turistici per incontrare artigiani e anziani, ascoltare i loro racconti e immortalare ricordi ed emozioni con scatti autentici.

Non mancano le agenzie interamente specializzate nel turismo fotografico: è il caso, ad esempio, della Weshoot di Roma (con cui collabora anche Marika), che propone un calendario di viaggi che spaziano dall’Algarve in Portogallo al Sahara fino ai fiordi del Nord.

Nella capitale opera anche Viaggio fotografico, realtà che propone un’offerta che spazia dal reportage ai viaggi alla scoperta delle foto naturalistiche, della street photography, della fotografia etnica e paesaggistica.

Se sui social imperversano le foto di viaggio scattate in serie con lo smartphone, la domanda di turismo fotografico non è venuta meno: proprio il “diluvio” di immagini spesso di scarsa qualità fa emergere il desiderio e la ricerca di scatti fuori dal comune, che si distinguano per qualità e capacità di trasmettere emozioni.